Sagra del Carciofo di Ladispoli

Una sagra storica che si svolge nel Lazio, precisamente a Ladispoli, tutti gli anni dal 1950.

Ma scopriamo qualcosa di più su questo meraviglioso ortaggio di cui l’Italia detiene il primato mondiale di produzione. Il Carciofo (nome scientifico: Cynara cardunculus) coltivato in Italia e in altri Paesi, si usa principalmente nel mondo alimentare e, secondariamente, per usi medici. In Italia tra le tante cultivar, possiamo vantare una DOP con il Carciofo spinoso di Sardegna e tre IGP con le varietà Brindisino, Paestum e Romanesco del Lazio.

Per non parlare dei tantissimi presidi slow food sparsi lungo lo stivale, ne citiamo alcuni:

  •  Carciofo violetto di Castellammare in Campania;
  •  Carciofo spinoso di Menfi in Sicilia;
  •  Carciofo bianco di Pertosa in Campania;
  •  Carciofo di Montelupone nelle Marche;
  •  Carciofo di Perinaldo in Liguria;
  •  Carciofo violetto di Sant’Erasmo in Veneto;
  •  Carciofo di Pietrelcina in Campania.

Il Carciofo in cucina

Lo possiamo usare in tutti i modi: intero, per fare i Carciofi alla Romana oppure i Carciofi alla Giudia; a spicchi o julienne, per fare una frittata, un sugo, una lasagna o semplicemente fritti… chi non ha nella propria dispensa un vasetto di carciofini sott’olio?!

Insomma, possiamo dire che il carciofo si può usare in mille modi in cucina. 

E per tutte queste ricette perché non utilizzare un carciofo di IV gamma, che ci fa risparmiare tempo, permettendo a tutti di cucinarlo in modo facile e veloce. Così che anche le persone più pigre che non vogliono “capare” i carciofi, possono preparare piatti deliziosi. Il Carciofo inoltre viene anche utilizzato nell’industria cosmetica e nella medicina, grazie alle sue proprietà benefiche.

Come non citare poi il famoso liquore ai Carciofi, il Cynar, creato nel 1948 dall’imprenditore veneziano Angelo Dalle Molle, divenuto popolare con i caroselli nei primi anni sessanta. 

Insomma non dobbiamo far altro che portare a casa i carciofi e prepararli come più ci piaccia.

“Così finisce in pace la carriera del vegetale armato che si chiama carciofo, poi squama per squama spogliamo la delizia e mangiamo la pacifica pasta del suo cuore verde”.

(Ode al carciofo di Pablo Neruda).

Scritto da Stefano Staltari (Laureato in Tecnologie Alimentari ed Enologiche all’Università della Tuscia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCOPRI LE ULTIME NOVITA’

Scopri le ultime novità e tendenze nel mondo dell'ortofrutta con le nostre notizie aggiornate. Da informazioni sulle ultime coltivazioni e tecniche agricole innovative a insight sul mercato globale, rimani sempre informato sul mondo che circonda la produzione di frutta e verdura